[3/4/2019] - Polizia commerciale

Controlli in area mercato, da una sanzione per rifiuti sul suolo pubblico la Polizia locale di Castano Primo avvia un’indagine e sorprende lavoratori  in nero

E’ quanto emerso durante il mercato settimanale del giovedì a seguito di accertamenti da parte degli agenti di Polizia locale di Castano Primo, i quali nelle scorse settimane avevano elevato una sanzione amministrativa nei confronti del titolare di un banco ortofrutticolo sito all’interno dell’area di piazza Ardizzone, in quanto al termine dell’orario di vendita lasciavano la postazione assegnata senza raccogliere i rifiuti da loro prodotti, incuranti delle norme in materia.

L’attività della Polizia locale, non si limitava alla semplice contestazione della sanzione amministrativa in quanto gli operanti avendo notato anomalie, monitoravano e documentavano l’esercizio di vendita  nelle settimane seguenti riscontrando la presenza di lavoratori extracomunitari presumibilmente non in regola.

Raccolti tutti gli elementi utili il Comando Polizia locale predisponeva un servizio congiunto con la sezione meneghina dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro e nello scorso giovedì procedevano ad effettuare un sopralluogo congiunto.

A coordinare l’attività il vicecomandante Gaia coadiuvato dal sovrintendente Liguori esperto di polizia commerciale.

Durante il blitz venivano identificati tre soggetti extracomunitari dediti all’attività di vendita alimentare, dagli accertamenti effettuati in materia del lavoro dagli ispettori emergevano anomalie, dal controllo documentale di polizia emergevano altresì una serie di irregolarità, circa la posizione di permanenza sul Territorio Nazionale come di seguito indicato:

  • il coadiuvante che materialmente nelle settimane precedenti reggeva  l’attività risultava un cittadino di origini del Bangladesh di anni 38  con permesso di soggiorno scaduto,  destinatario già di un ordine di espulsione dall’Italia da parte del Questore, pertanto gli veniva notificato tale provvedimento esecutivo con l’ordine a raggiungere la frontiera entro un numero definito di giorni;
  • uno dei lavoratori  di origine marocchina di anni 34, risultava destinatario di rigetto del permesso di soggiorno e nei confronti dello stesso veniva redatto biglietto d’invito a presentarsi presso l’Ufficio Immigrazione della Questura ai sensi dell’art. 15 del TULPS per regolarizzare la propria posizione;
  • l’altro soggetto anch’esso irregolare, di anni 30 e origine del Bangladesh  risultava destinatario di decreto di revoca della misura di accoglienza, pertanto si provvedeva a notificargli il decreto a suo carico da cui decorrono i 60 giorni per poter proporre ricorso.

Di tale attività veniva notiziato anche il locale SUAP al fine dei provvedimenti di competenza circa il proseguo dell’attività di vendita.

Altresì seguirà l’iter procedurale dell’Ispettorato del Lavoro oltre alle misure poste in essere dalla Polizia locale.

L’attività di monitoraggio della Polizia locale, estesa anche ad altri banchi siano essi di cittadini italiani, comunitari o extracomunitari presenti all’interno dell’area mercatale oltre ad infondere la cultura della legalità e rispetto delle regole e delle Leggi in vigore sia in materia commerciale sia del lavoro, tende ad essere monito affinché cessino situazioni di illegalità diffusa con particolare attenzione ai collaboratori non in regola, sottopagati o sfruttati anche dai relativi datori di lavoro.

  • speciale elezioni
  • SUAP
  • Cosa Stiamo Facendo
  • Calcolo IUC 2018-2019
  • Polo  Culturale Castanese
  • Sportello Antiviolenza
  • Albo Pretorio ed Amministrazione Trasparente
  • Ufficio Comunicazione
  • REI Reddito di Inclusione
  • Consigli Comunali
  • Comunicazioni Servizio Refezione Scolastica
  • Appuntamenti CIE
  • Scrivi all“Amministratore
  • Auditorium
  • Centro Natatorio
  • PGT
  • Bandi di Gara
  • Modulistica
  • Consultazione rendite catastali
  • InfoCastanoAndroid
  • InfoCastanoiOS