Istruzioni e FAQ

 

Istruzioni accesso e utilizzo del servizio nel file allegato in fondo alla pagina

FAQ

Quali sono i formati ammessi per i files da allegare alla pratica Suap?
In base al documento redatto il 25/06/2011 dal gruppo di lavoro formato da DigitPa, Anci, Province, Regioni e Unioncamere, sono ammessi i seguenti formati dei files da allegare alla pratica Suap:

  • Modulistica, relazioni e documenti assimilabili: Portable Document Format (PDF o PDF-A) Planimetrie o disegni tecnici: PDF, DWF o SVG.

Si consiglia, tuttavia, di utilizzare sempre il formato PDF, in quanto agevolmente visualizzabile su qualsiasi computer in dotazione al Comune.

  • Fotografie: JPEG.

Si ricorda che tutti i documenti, a prescindere dal formato utilizzato, devono essere sempre firmati in digitale, prima di essere allegati alla pratica da spedire al Suap.


Cosa si intende per “ricevuta”?
Ai sensi del Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD), del DPR 160/2010 e del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 10/11/2011, la ricevuta equivale alla ricevuta di consegna che viene emessa dalla Casella Pec del Suap comunale, tramite il portale “Impresa in un giorno”, all’atto del ricevimento della documentazione trasmessa dalla casella di Posta Elettronica Certificata del mittente (Azienda o soggetto terzo dalla stessa incaricato).

La ricevuta di cui sopra attesta pertanto, con pieno valore legale, che il messaggio inviato dall’Azienda o dal proprio incaricato è stato effettivamente consegnato alla casella Pec del Suap comunale.
 

Attenzione: la semplice “ricevuta di avvenuta spedizione” attesta unicamente che il messaggio inviato tramite Pec è stato regolarmente preso in carico dal proprio gestore e spedito alla casella di Posta Elettronica Certificata del Suap comunale, ma non costituisce prova legale di avvenuta consegna.


Quali effetti produce la ricevuta di consegna?
Ai sensi del succitato Decreto ministeriale del 10/11/2011, la ricevuta di consegna generata automaticamente dal sistema di protocollo informatico del Suap comunale produce i seguenti effetti:

Se la pratica Suap è costituita dalla Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA)
La ricevuta di consegna costituisce titolo abilitativo, con effetto immediato, per l’avvio dell’attività. Tale circostanza si verifica nel corso del cosiddetto “procedimento automatizzato”, peculiare per l’istituto della Segnalazione certificata inizio attività.

Se la pratica Suap presuppone il rilascio di un provvedimento autorizzatorio espresso o implicito

La data e l’ora riportate nella ricevuta di consegna equivalgono al momento in cui cominciano a decorrere i termini per ottenere in forma espressa o implicita (es. per silenzio-assenso) l’autorizzazione, il nulla osta, o l’atto di assenso comunque denominato. In questo caso si parla di “procedimento ordinario”.

La fattispecie si applica anche quando il rilascio del titolo autorizzatorio è affidato alla competenza di altri Enti ed il Suap comunale funge esclusivamente da punto unico di contatto, deputato a svolgere il ruolo di interfaccia telematica tra l’Azienda interessata e gli Enti terzi. Anche in questo caso, i termini per la conclusione del procedimento decorrono dalla data riportata nella ricevuta di consegna generata dal sistema di protocollo informatico del Suap comunale.


Cosa devo fare per conoscere lo stato di avanzamento della mia pratica?
Occorre che l’Impresa, o il soggetto incaricato dalla stessa, monitorino la sezione scrivania utente accedendo al portale “Impresa in un giorno” con le proprie credenziali.

In tale sezione è inoltre possibile visualizzare le eventuali richieste di integrazione/conformazione provenienti dal Suap, e rispondere alle stesse.

Alternativamente è necessario controllare costantemente la casella Pec indicata quale terminale di notifica, in via telematica, di tutti gli atti pertinenti al procedimento.

Se l’istanza è soggetta all’imposta di bollo, cosa devo fare per dimostrare di avervi assolto?
In merito all'imposta di bollo, ove occorrente per lo specifico procedimento, il soggetto interessato provvede ad inserire nell’apposito campo, in sede di compilazione della pratica Suap, i numeri identificativi delle marche da bollo utilizzate, nonché ad annullare le stesse, conservandone gli originali.
 

per maggiori informazioni:

 

Mail : commercio@comune.castanoprimo.mi.it

Responsabile  Roberta Cardini

ALLEGATI


Ultima modifica: 08/08/2018